Anatoly-Karpov

Anatoly Karpov festeggia il suo 70° compleanno

Anatoly Yevgenyevich Karpov ha compiuto 70 anni.

Da un lato, è molto più facile scrivere di una persona con cui hai avuto a che fare con le spalle. D’altra parte, è molto più difficile. Quali interazioni con questa persona, che includono una miriade di piccoli dettagli, rendere pubbliche, tenendo presente che molto probabilmente interagirai in futuro? Poiché il grande campione racchiude tre entità: un giocatore di scacchi, una persona e un personaggio pubblico, come onorare ciascuno di essi?

Cominciamo con gli scacchi. Anatoly Karpov è semplicemente il più grande giocatore di scacchi intuitivo della storia. Forse Capablanca e Carlsen sono fatti della stessa tempra, ma per me non ci sono dubbi: Karpov è il migliore. La magia delle sue mosse affascina, e non solo nei suoi giochi migliori. Non è mai stato un grande esperto di apertura. Non è mai stato famoso per i suoi calcoli profondi e precisi. Anche la sua eccellente tecnica non è mai stata leggendaria. Innanzitutto Karpov è un giocatore brillante e intuitivo ed è anche un difensore incredibilmente tenace.

A.Karpov2
Anatolij Karpov oggi

 

Prima di Karpov, anche i migliori giocatori del mondo spesso cadevano umilmente in posizioni spiacevoli. Ma Karpov ha portato negli scacchi una componente del tutto inedita: l’arte di difendere e intercettare l’iniziativa – che era praticamente inesistente nei primi anni ’70. È un giocatore geniale che sente sempre il ritmo del gioco. Non ho visto nessun altro con un così grande senso del cambiamento, della svolta. La posizione sembra del tutto uguale, o addirittura gli stai mettendo pressione, ma una imprecisione e Karpov ti strappa subito l’iniziativa e nella maggior parte dei casi ti sbatte fuori. Non dovresti mai rilassarti di fronte a Karpov. Questo, per inciso, è qualcosa che Kasparov ha sottovalutato nel loro primo duello – ecco perché questa partita è quasi finita con Kasparov che lo perde senza vincere nemmeno una partita. Non sapremo mai come sarebbe andata a finire la storia degli scacchi se Karpov avesse vinto la partita 6-0, o almeno 6-1. In tal caso, Anatoly Yevgenyevich avrebbe senza dubbio cementato il suo posto nella top five dei più grandi giocatori di scacchi della storia.

Eppure Anatoly Karpov è un po’ sottovalutato, soprattutto se paragonato a Fischer.
Ma è difficile fare un confronto: Fischer ha avuto solo tre anni fantastici, ma guarda il record di Karpov di oltre un quarto di secolo contro i giocatori di scacchi più forti di QUATTRO GENERAZIONI! Non solo li ha sconfitti: ha schiacciato titani come Spassky, Larsen, Stein, Polugaevsky, Portisch. Persino Korchnoi, nonostante abbia combattuto sul serio a Baguio, alla fine ha dovuto segnare un terribile record di testa a testa contro Karpov. Ma dai, si potrebbe dire, erano tutti sulla quarantina, o anche più vecchi, quando si giocavano a questi giochi. Ma Karpov era anche assolutamente spietato con i giocatori della sua stessa generazione. Beljavsky, Ljubojevic, Hübner, Timman, Andersson: contro di loro ha stabilito un record negli scontri diretti.

Poi viene la generazione di Kasparov. E anche qui Karpov è all’altezza – cosa altro posso aggiungere, dato che le partite di Garry Kasparov con Karpov sono state la sua prova più dura. E gli altri – Jussupow, Sokolov, Seirawan, sono stati regolarmente battuti da Karpov, nonostante la differenza di età. Inoltre la cosa più sorprendente è il suo punteggio contro la generazione di Anand. Sì, Vishy stesso è l’unico, a parte Kasparov, che ha ottenuto un record di più punti contro Karpov, anche se è probabilmente più importante che Anatoly Yevgenyevich abbia vinto entrambe le partite giocate. Diamo un’occhiata all’intero cast: ha un punteggio in più negli scontri diretti contro Ivanchuk, Gelfand e Topalov, un record schiacciante contro Kamsky e Shirov e un punteggio pari con Kramnik. Parliamo di decine di partite con tutti, le partite che si giocavano quando Karpov aveva quarant’anni.
Fischer non è mai riuscito a fare niente del genere.

Nessuno lo fece, forse tranne Lasker, ma la dimensione del campione allora era troppo piccola. Anatoly Yevgenyevich ha vinto più partite e tornei di chiunque altro. In parte Karpov ha raggiunto questo record perché stava combattendo con l’ombra di Fischer, che non era salito sul ring nel 1975. In parte, era semplicemente perché amava giocare e vincere. La domanda su come sarebbe finita la partita nel 1975 è uno dei “e se” più popolari nel mondo degli scacchi. Penso che al momento della partita Karpov fosse già il favorito. È salito quasi da un giorno all’altro, volando al di sopra della concorrenza grazie al suo talento fenomenale e al saggio mentore di Furman. Il modo in cui sconfisse Spassky nei Candidati del 1974 fu probabilmente più convincente della vittoria di Fischer sul decimo Campione del mondo nel 1972, ma è probabilmente più importante che Fischer fosse stato lontano dagli scacchi per tutti questi anni. Penso che Fischer ne fosse ben consapevole quando decise di non gareggiare nel 1975.

A.Karpov3

Cosa sarebbe successo se Fischer avesse continuato a giocare dal 1972 al 1975? Allora probabilmente sarebbe stato il favorito, ma non un chiaro favorito. E quella sarebbe stata una delle partite più interessanti della storia.

Ma in generale, Karpov è spesso sottovalutato in parte perché nessun altro giocatore di scacchi nella storia ha ricevuto un sostegno così massiccio dallo stato. Aveva allenatori e secondi super-squadra – Furman, e poi Tal, Polugaevsky e Zaitsev – che analizzavano tutte le aperture per lui, di cui Botvinnik parlava spesso senza mezzi termini. Karpov ha anche ricevuto le congratulazioni personali di Breznev. Tutto ciò che è successo. Ma tutto questo, a mio avviso, non toglie nulla alle conquiste di Karpov.

Karpov è assolutamente fantastico ma allo stesso tempo una persona abbastanza semplice. Probabilmente è difficile crederci – ma ho sentito e visto molto spesso lo stupore degli organizzatori e dei fan quando lo hanno incontrato – Karpov era e rimane alla mano e senza pretese quando interagiva con le persone. Sempre amichevole, sempre pronto a scattare una foto con un fan o a fare un autografo, andando rapidamente d’accordo con le persone a qualsiasi cena ufficiale.

Karpov è uno dei nostri migliori ambasciatori di scacchi. L’ho visto personalmente con i miei occhi così tante volte. Ma ho anche visto Karpov a casa: ho giocato diverse centinaia di partite blitz con lui, il più delle volte a casa sua. Non ti darò nessun dettaglio, dirò solo che anche lì è molto disinvolto e semplice. Karpov, invece, ha giocato le nostre partite lampo con passione e tanta voglia di vincere. Finché non ti batte o almeno non ti raggiunge sul tabellone, non puoi uscire di casa. Giocherà ancora un po’ e tu inizi a stancarti dopo 10, 15, 20 partite lampo. Perdi vapore (anche se stavamo giocando all’epoca in cui avevo 30-35 anni e lui aveva 60 anni) ma migliora sempre di più.
Solo Korchnoi era così.

A.Karpov4

Quando eravamo insieme, gli facevo una domanda sui suoi giochi: come avrebbe reagito se l’avversario si fosse spostato qui o là? Come si è preparato per questa o quella partita? Devo rivelare un segreto: non solo io, ma molti di quelli che sono cresciuti leggendo i libri di Karpov, ricordano i suoi giochi meglio dello stesso Anatoly Evgenievich.

Ovviamente abbiamo discusso di vari argomenti, non solo di scacchi. Sa e ricorda bene molte cose. Paesi, città, economia, ecologia, storia, politica: è interessante parlare di tutto questo con Karpov, anche se spesso le nostre opinioni divergono. E a volte sembra che molte delle sue idee e concetti derivino dall’era sovietica.

Ma ancora – lui è il Grande. Non so come spiegarlo. Karpov è grande, anche se non sostengo e spesso mi oppongo alla maggior parte delle sue dichiarazioni su temi socio-politici. E quando parla del futuro degli scacchi, misurandolo con gli standard del passato, mi suona strano. Forse la sua infanzia deprivata a Zlatoust del dopoguerra (la sua città natale situata negli Urali) ha ancora un impatto sull’atteggiamento materialistico nei confronti della vita di questo uomo ricco e compiuto.

Eppure, è un grande giocatore di scacchi e anche un perfetto ambasciatore per il nostro gioco. Come ogni vero campione, Karpov ha alcuni difetti, ma allo stesso tempo, contrariamente a quanto pensano alcuni, ha molti meriti umani.

Gli auguro buona salute e non vedo l’ora di rivederlo presto.

Emil Sutovsky, Direttore Generale della FIDE

Chi siamo Circolo LA TORRE Villa Guardia

Circolo Scacchi