Daniele Gatti

Oh, Violino tzigano

Oh violino tzigano…


pubblicato 14 dic 2016, 15:54 da Circolo Scacchi “La Torre” Villa Guardia ‎(CO)‎

[ aggiornato in data 14 dic 2016, 15:54 ]


Da qualche tempo il nostro Daniele non dava spettacolo.
Anzi, sembrava proprio mogio mogio, un po’ emaciato, privo di vigore.
Gli amici imputavano la cosa come fosse il risultato del suo lavoro, a dir poco stressante, e dei turni notturni.
Talvolta lo si vedeva al club con lo sguardo assente, sgranocchiando una caramella, o meglio ancora un barretta energizzante.
La verità è che il Daniele stava facendo, come dire, rifornimento: il pit-stop prima della volata finale.
Improvvisamente, ed in modo inatteso per chi non lo conosce, ecco l’esplosione, l’avvenimento, il culmine, l’evento, l’apogeo.
Dalla solitudine sconfinata della putsza ungherese s’alza un urlo di battaglia, già di per sé agghiacciante; anche i cavalli più selvatici fuggono a zampe levate nell’udire…
AUTOMATTO IN 8 ! ! ! !
I quotidiani locali non sanno darsi conto dell’avvenuto.
Un misero (e minuto) italiano, anzi brianzolo, ha sconfitto quelli di casa in una tenzone tra le più impegnative che mai si sia vista sulle scacchiere tzigane.
Ma avete letto bene? A.U.T.O.M.A.T.T.O….I.N….8
Solo il Daniele poteva aggiudicarsi un premio tanto ufficiale quanto ambito (in realtà si tratta del 2° posto in un concorso di composizione ungherese con 46 autori partecipanti, e scusa se è poco!)
Ecco qui l’estratto dalla rivista che certifica i risultati.
Cimentatevi a capirci qualcosa.

Problema scacchistico
author-sign

Welcome to Circolo Scacchi LA TORRE

Install
×
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: